ANPC Nazionale

Associazione Nazionale Partigiani Cristiani

COMUNICATO STAMPA ANPC sulla guerra

La guerra che sembrava inconcepibile in questo secolo, ci sospinge indietro in oscure svolte della storia.

La politica, la diplomazia e la cooperazione mercantile non hanno impedito una aggressione a fini espansionistici.

La Resistenza che pose fine alla seconda guerra mondiale aveva anche contributo ad un ordine mondiale di disgelo, ma la Resistenza degli Ucraini sta difendendo per tutti il diritto dei popoli alla propria indipendenza e organizzazione istituzionale senza ingerenze e interferenze.

ANPC che condivide l’art. 11 della nostra Costituzione conquistato dal sangue dei Resistenti, richiama alla lettura dell’intero articolo che continua “ L’Italia (…) consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alla limitazione di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni…”.

Speravamo potesse essere più breve il martirio dell’Ucraina ma registriamo che la guerra prosegue con la sua ferocia aumentata come dimostrano le stragi documentate.

Chiediamo pietà umana anziché ricostruzioni fantasiose e vergognose. La libertà di pensiero e opinione è stata garantita per tutti ma non può significare  una insolente, volgare, vigliacca accusa a chi è oppresso invece che censura dell’aggressore. Almeno evitare di infierire su chi soffre mentre si filosofeggia accoccolato in comode poltrone.

Il nostro linguaggio è sì, sì e no, no. L’obiettivo comune deve essere che  chiunque,  qualsiasi mezzo abbia disposizione,  valorizzi gli strumenti che portino al cessate il fuoco.  Solo non si può chiedere la resa, mentre aiutare la legittima difesa di un popolo comporta assicurare ogni possibile aiuto, comprese le armi.

Mariapia Garavaglia

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “COMUNICATO STAMPA ANPC sulla guerra

  1. Pingback: Rassegna 07.04.22 - Stefano Ceccanti

  2. maurizio in ha detto:

    Condivido pienamente. Solo quanti sanno stare con i piedi ben piantati nella storia potranno concorrere a superare il conflitto senza rinunciare all’autodeterminazione. Quanti invece farneticano dando giustificazioni all’aggressore sono l’emblema della decadenza culturale verso cui una parte del paese è accondiscendente. Una lezione data anche a quelli che hanno ridotto la pace ad una astrazione ideologica come se la vita non vanga altrettanto della libertà. maurizio drezzadore

  3. Angelo Chiappa. in ha detto:

    Credo che l’Europa e la Nato debbano fare tutto il possibile per fermare queste atrocità.

  4. Angelo Chiappa in ha detto:

    Una sofferenza indescrivibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: