ANPC Nazionale

Associazione Nazionale Partigiani Cristiani

Archivi per il mese di “settembre, 2019”

Teresio Olivelli: il 17 Ottobre a Bergamo

Olivelli Bergamo

Congratulazioni all’ANPC di Bergamo per questo importante incontro.

Annunci

76° Anniversario Battaglia della Montagnola – 10 Settembre 1943

battaglia Montagnola.jpgIl 10 Settembre in Piazza Caduti della Montagnola si è celebrato il 76° Anniversario della Battaglia della Montagnola, con i rappresentanti istituzionali di Roma Capitale e del Municipio Roma VIII, i rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche e Partigiane, corpi dell’esercito e i Granatieri di Sardegna, con l’esibizione della banda musicale dell’Esercito: un appuntamento istituzionale che torna sui luoghi della memoria per celebrare il sacrificio di chi pagò col sangue la difesa dall’occupazione nazifascista. Alla Montagnola sono morti 53 persone tra militari e civili.E’ stata ricordata in particolar modo l’eroica partecipazione fino all’estremo sacrificio di Don Pietro Occelli,  di Suor Teresina di Sant’Anna, al secolo Cesarina D’Angelo, nativa di Amatrice, e di Quirino Roscioni, il fornaio della zona.

Presente alla celebrazione in rappresentanza di ANPC la nostra Vicepresidente Nazionale Annamaria Cristina Olini.

L’8 Settembre 1943 di Angelo Sferrazza

Un racconto di Angelo Sferrazza, autobiografico,sull’otto settembre ’43 , terzo classificato al Premio letterario “ Una short story” 2018 indetto dal Rotary.

GLI  ANGELI  POVERI

Erano due stradine in salita,quasi sentieri, solitarie, troppo basse per vedere il mare, in mezzo a campi  di stoppie esausti per la battaglia del grano. A destra e sinistra, allineate, casette bifamiliari giallognole, con un francobollo di giardino non sufficiente nemmeno per un minuscolo “orto di guerra”, ma con un grande fascio bianco sopra la porta d’ingresso. Sotto la strada nazionale 16, una casa cantoniera ben dipinta e  l’osteria dell’Ilde, donna forte, da tener in riga la clientela di soli maschi, carrettieri di passaggio  che trasportavano breccia estratta dal mare e dall’alba all’ora del coprifuoco, vecchietti  che non rispettavano  l’invadente cartello con su  scritto: “In questo locale non si parla di politica, non si bestemmia e non si sputa per terra”, intimazioni che a secondo il grado etilico raggiunto, venivano golosamente violate. A farne le spese un certo liter, litro nel dialetto locale, anagramma di Hitler. Verso il mare, tagliata dalla linea ferroviaria, una zona militare con un deposito di materiali ed armi, dove abitava la famiglia del maresciallo magazziniere. Intorno silenzio, rotto da qualche mezzo di passaggio, dai treni e dalla risacca  del mare quando tirava il vento freddo del nord, ancora rare le sirene d’allarme. 25 luglio! Gran festa all’osteria, vino a fiumi, canti, privilegiata “bandiera rossa” con qualche variazione anarchica. La gioia durò poco, la guerra continua, come dissero alla radio con voce convinta. Le madri, le mogli dovevano aspettare ancora. Una fine luglio ed un agosto confusi, con i vecchietti che non riuscivano, fra un bicchiere e l’altro, a dare un senso alle quotidiane  analisi politiche! Unica consolazione, via dal muro il ritratto del duce e l’odiato cartello delle tre proibizioni! Ma l’otto settembre successe qualcosa di importante. Molti gioirono, con notevole ingenuità e per mancanza di informazione: la guerra è finita, la guerra è finita!  No, la guerra non era finita e un saggio vecchietto dell’osteria  sentenziò: “qualcuno ce la farà pagare”. Per cinque o sei giorni si sperò che il Regio Esercito “ con il quale il popolo si stringe in una volontà sola per la difesa della Patria”, come si legge in uno dei tanti proclami di allora, avrebbe contenuto eventuali azioni tedesche. E ciò qua  e là avvenne con gesti di eroismo, anche fuori d’Italia: ricordare Cefalonia. Le caserme si svuotarono, evaporò nel nulla la catena di comando. Un fiume di giovani militari si riversò sulle strade, prese d’assalto  treni, camion, tutto ciò che si muoveva, cercando  di liberarsi della divisa. I vecchietti dell’osteria, memori delle tristi ritirate del’17, lanciarono l’allarme. Aiutiamo questi ragazzi. Le donne, madri, sorelle, mogli, erano pronte. Ogni ragazzo, appeso pericolosamente ai treni stracolmi  che  scendevano verso il  sud era figlio loro. Le donne delle stradine  aprirono l’armadio alla ricerca di indumenti vecchi, pochissimi.  Presero coraggio, uscirono dalla loro isola e coraggiosamente si avviarono a bussare alle prime case della città da dove i treni non si vedevano. Trovarono altre madri, altre mogli e riempirono le ceste di pantaloni, camicie,scarpe. Difficile trovare da mangiare, era il tempo della tessera annonaria, già insufficiente per la quotidianità. E le donne che spesso sciamavano per i campi a raccogliere erbe da rivendere ai “cittadini” e d’estate a spigolare nei campi attorno, ripetendo gli stessi gesti della biblica Ruth, non si persero d’animo.. Si avviarono verso la campagna,  verso case coloniche dove avrebbero sicuramente trovato qualcosa. I contadini, parsimoniosi, tenevano ben nascoste le provviste, ma anche in quelle famiglie c’era un figlio un marito in guerra. Tornarono indietro con pane e addirittura qualche salame. Si avviarono così in tre o quattro, una dietro l’altra sul calpestabile accanto alle rotaie, al limite della stazione. E aiutarono i ragazzi stanchi, spaventati. Li dissetarono con bottiglie d’acqua dell’osteria.  Lo fecero due o tre volte, sempre in fila, silenziose. Passando davanti al deposito militare salutavano il piccolo figlio del maresciallo che accanto alla robusta rete di recinzione guardava i treni dei soldati in fuga. Quelli del deposito invece erano ancora lì, il maresciallo non aveva ricevuto nessun ordine. Decise da solo. Tornate a casa. Quei soldati, “sedentari” perché non idonei alla guerra, erano della zona. Solo due rimasero, politicizzati, ad aiutare il maresciallo a rendere inservibili le armi. I tedeschi stavano arrivando. Dov’erano? Poi qualcuno disse che avevano occupato le due caserme centrali e presto sarebbero arrivati al deposito. Ancora una volto le donne delle stradine: corsero al deposito. In pochi minuti la famiglia del maresciallo fu accolta in una di quelle casette giallognole. Una mezz’ora dopo si sentì il rumore dei mezzi militari che arrivavano.  Per alcuni giorni la famiglia fu nascosta e protetta  e le donne divisero quel poco pane che avevano.  Trovarono per il maresciallo vestiti civili e fecero sparire la divisa, correndo un grave rischio. Altri aiutarono poi la famiglia a trovare un rifugio in un paese vicino. Finì la guerra, la famiglia tornò, il deposito distrutto, distrutta la casa. Le donne erano ancora lì. Ci fu un lungo  abbraccio di riconoscenza e qualche lacrima. Gesti che si ripetevano fra tutti quelli che si rivedevano dopo “il passaggio del fronte”. Molti anni dopo il figlio del maresciallo visitando S. Marco a Venezia, guardando  le decorazioni musive del Battistero, fu colpito da tre angeli in fila, con l’aureola. A questa immagine se ne sovrappose un’altra, improvvisamente, inspiegabilmente, lontanissima nella memoria. Tre donne  con la cesta in testa, come  un’aureola, una dietro l’altra, che andavano ad aiutare i ragazzi in fuga sui treni. Tre angeli, tre angeli poveri. 

IMG_6765

Firma Armistizio a Cassibile 1943.

2 Settembre 1944: il sacrificio di Albino Badinelli

L’Associazione Nazionale Partigiani Cristiani – e in particolare la Sezione Sestri Levante e Tigullio – tiene a commemorare la grande figura di Albino Badinelli. Ricorre oggi l’anniversario del generoso sacrificio del giovane carabiniere che il 2 settembre agosto 1944 fu fucilato dopo essersi presentato spontaneamente al comando repubblichino di Santo Stefano d’Aveto per evitare l’incendio del paese. Il suo straordinario esempio di amore cristiano fu tale che, in punto di morte, non mancò di perdonare anche i suoi carnefici. Albino Badinelli è stato insignito della Medaglia d’oro al merito civile per il suo sacrificio.

albino badinelli.jpg

“Arrivati davanti al cimitero di Santo Stefano, Albino viene posto con le spalle al muro, pronto per essere freddato. In quel momento il giovane carabiniere, baciato con riverenza il crocifisso e guardando il Cristo che stringe forte a sé, ripete, con profonda fede e umiltà, le stesse parole che il Signore dalla Croce rivolse a Dio: «Perdonali, Padre, perché non sanno quello che fanno!».
A quel punto tre colpi di arma da fuoco, due al cuore ed uno alla testa, separano per sempre Albino dalla sua vita terrena, durata ventiquattro anni. Il suo gesto di amore supremo è servito a salvare venti ostaggi da morte certa e il paese dalla distruzione.
Sul muro dove Albino venne ucciso oggi sorge una lapide con la scritta: «Sotto il plotone di esecuzione, vittima innocente, il 2 settembre 1944, qui cadeva serenamente perdonando, il Carabiniere Badinelli Albino, figlio della vicina Allegrezze. Oh tu che passi, chinati al suo ricordo e prega per lui e per il mondo la pace».
Monsignor Casimiro Todeschini, allora Arciprete di Santo Stefano, commentando questa fine cruenta, illuminata dalla luce del perdono, esclama: «Con serena e cristiana fortezza, e con le labbra rivolte al Crocifisso, affrontò il plotone di esecuzione perdonando tutti, offrendo il suo sangue per la Chiesa, per la Patria, per la Pace e la redenzione dei popoli».
Da quel giorno il ricordo del sacrificio di Albino non si è ancora spento: a suo nome è stata intitolata una via del Comune, dove si trovano la stazione dei Carabinieri e la scuola. Nel 2015 è stato poi fondato il Comitato Albino Badinelli, per favorire lo sviluppo e la conoscenza della sua testimonianza”. (http://www.santiebeati.it/dettaglio/96816)

 

Navigazione articolo