ANPC Nazionale

Associazione Nazionale Partigiani Cristiani

Archivio per la categoria “Articoli”

Eccidio Rio Farnese: 12 gennaio 1945-2023

Domenica scorsa, 15 gennaio, in località Rio Farnese in Comune di Bettola (Pc) si è tenuta la cerimonia a ricordo dell’eccidio di 21 partigiani .

A 78 anni di distanza si mantiene viva la memoria dei caduti di Rio Farnese. Nella mattinata di domenica 15 gennaio a Bettola si è tenuta la cerimonia che rievoca l’eccidio di 21 giovani partigiani compiuto dai nazifascisti il 12 gennaio 1945 nella valletta di Rio Farnese. Una tradizione che si rinnova, voluta dall’Anpi e dall’ANPC di Piacenza e dal comune di Bettola: con la deposizione di una corona d’alloro alla memoria dei partigiani uccisi ai piedi del monumento e il tradizionale momento di riflessione insieme agli studenti della

Dopo il saluto la presidente della sezione Anpi Valnure Elena Mazzocchi, hanno preso la parola il sindaco di Bettola Paolo Negri e l’onorevole Pierluigi Bersani, presidente dell’Istituto storico dell’età contemporanea che ha pronunciato il discorso ufficiale. Presenti anche i vertici provinciali dell’Anpi con il presidente Romano Repetti e Mario Spezia in rappresentanza dell’Associazione dei Partigiani Cristiani. Tanti anche gli amministratori e i sindaci presenti, tra loro il consigliere Salvatore Scafuto per il Comune di Piacenza e Patrizia Calza sindaco di Gragnano Trebbiense.
L’ECCIDIO – La mattina del 12 gennaio 1945 i tedeschi prelevano dalla scuola di Bettola 21 partigiani scelti tra i 40 catturati nel corso del rastrellamento invernale effettuato dalla divisione Turkestan nella Val Nure. Sono 21 giovani scelti a caso che vengono condotti sul greto del torrente Rio Farnese e sono uccisi con un colpo di pistola alla nuca da un sottufficiale. L’unica spiegazione data è stata la causa della mancanza di spazio sull’automezzo che doveva provvedere al trasporto dei prigionieri. Di questi 21 partigiani ne sono stati identificati solo dodici, gli altri sono rimasti senza nome.

Un nuovo libro: “Il Convoglio. Storie di italiani deportati a Mauthausen”

Segnaliamo l’uscita di un libro di Franco Meroni disponibile nelle librerie intitolato Il Convoglio’, che contiene il risultato delle ricerche sul convoglio diretto da Bolzano a Mauthausen il 5 agosto 1944 (‘Trasporto 73’ nella classificazione di Italo Tibaldi). Bolzano, sabato 5 agosto 1944: circa 300 persone impaurite salgono su quello che Italo Tibaldi chiama “trasporto 73”, un convoglio con destinazione Mauthausen.  Franco Meroni parte da questo tragico momento storico per condurre la sua ricerca, che trasforma in memoria collettiva le singole testimonianze dirette (tratte da libri, diari, interviste, lettere) e indirette delle vicende personali dei deportati saliti sul treno.​​​​​​​Nel volume sono raccolte le biografie degli internati, delle lavoratrici e lavoratori coatti e dei sacerdoti. Grazie al contributo fornito da alcuni familiari e alla consultazione dei fogli matricolari, queste pagine consentono di preservare la memoria anche dei volti meno noti nella bibliografia concentrazionaria, offrendo un’analisi scrupolosa e completa della composizione del “convoglio”. 
Trovate ulteriori informazioni su questa pagina dell’editore Mimesis Edizioni:
https://www.mimesisedizioni.it/libro/9788857595610

“David Sassoli. La saggezza e l’audacia. Discorsi per l’Italia e per l’Europa”: oggi al Teatro Quirino a Roma la presentazione del suo libro

Si è svolta questa mattina a Roma la presentazione del volume “David Sassoli. La saggezza e l’audacia. Discorsi per l’Italia e per l’Europa” (Feltrinelli) curato da Claudio Sardo. La prefazione è firmata dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il libro è stato presentato al Teatro Quirino, con la partecipazione della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, di Romano Prodi (già presidente del Consiglio e poi della Commissione Ue), del segretario del Partito democratico, Enrico Letta, dello scrittore Paolo Rumiz, moderati dalla giornalista Lucia Annunziata.

Presente anche il nostro Consigliere Nazionale Aladino Lombardi che ha dichiarato: “Questo libro è un patrimonio sull’Europa e dell’Europa. Gli interventi sono stati meravigliosi”.

David Sassoli aveva un’idea chiara dell’Italia e dell’Europa: aperte al futuro e consapevoli delle proprie imperfezioni. È scomparso l’11 gennaio 2022. Oggi possiamo ereditare le parole e le intuizioni, l’esperienza e lo sguardo di un grande politico italiano. I fondi ricavati dalle vendite di questo libro saranno devoluti al Centro di riferimento oncologico di Aviano.

4 gennaio 2023: 79° anniversario della deportazione del 4 gennaio 1944

Oggi alla cerimonia in ricordo di questo tragico evento era presente in rappresentanza dell’Anpc il nostro Consigliere Nazionale Aladino Lombardi, assieme all’Assessore alla Cultura di Roma Capitale, Miguel Gotor e ad altri rappresentanti di Istituzioni e Associazioni. Hanno deposto una corona d’alloro presso il Muro del Deportato collocato all’interno del Cimitero Monumentale del Verano.

I nomi sulle lapidi sono circa 2700. Sono partiti dal binario 1 della Stazione Tiburtina. Ci sono 4 lapidi con i nomi dei ferrovieri che ricordano il tragico evento. “Una storia – dichiara Aladino Lombardi – quella dei ferrovieri che sarebbe da approfondire soprattutto per il loro contributo per salvare alcuni deportati con diversi stratagemmi”. “Una di quelle lapidi – ricorda sempre Aladino – è stata posta dalla nostra Presidente Mariapia Garavaglia quando era Vicesindaco di Roma”.

Addio a Mario Artali

ANPC esprime vicinanza ai familiari di Mario Artali e alla Federazione Italiana Associazioni Partigiane, di cui era Presidente Onorario. Partigiano, amico, è stato valoroso difensore dei valori fondativi della nostra Repubblica. A Milano, fedele alla sua visione di società solidale e partecipativa, ha accolto nel Circolo De Amicis molte associazioni. Esempio di sincero democratico ed esempio per le nuove generazioni. Grazie Mario!

Ricordo di Benedetto XVI

“Prendere la parola in questo luogo di orrore, di accumulo di crimini contro Dio e contro l’uomo che non ha confronti nella storia, è quasi impossibile – ed è particolarmente difficile e opprimente per un cristiano, per un Papa che proviene dalla Germania”.  Queste le parole di un grande Papa, di un teologo che ha reso la fede amica della ragione e in tal modo ha superato le difficoltà di comprensione con ebrei e islamici, che gli hanno riconosciuto l’amicizia. Mite e determinato, “gentile e sapiente “ come lo ha definito il Presidente Mattarella. La storia lo riconoscerà come una pietra miliare della cultura occidentale, come europeista e uomo di relazioni portatrici di pace – queste le parole della nostra Presidente Nazionale Mariapia Garavaglia per ricordare Benedetto XVI.

Tutta l’Anpc si unisce in preghiera.

Accadde oggi 75 anni fa: la Costituzione Italiana veniva promulgata

 Il 27 dicembre di 75 anni fa veniva promulgata la Costituzione della Repubblica Italiana.

Mariapia Garavaglia, nostra Presidente Nazionale, ricorda questa data così: “Incontro tra culture politiche diverse che condividono i valori fondanti della libertà, della democrazia e dell’uguaglianza. Una tappa storica di cui siamo tutti debitori e testimoni di valori. Un pensiero alle donne e agli uomini che c’è l’hanno donata”.

Video Maratona Mattei per sempre il 1°Dicembre a Rieti

Questa giornata è stata promossa da Anpc assieme all’Associazione Santa Barbara nel mondo, con il prezioso della Fondazione Varrone, con il patrocinio del Comune di Rieti, con la collaborazione del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco e la partecipazione di Fratres e la Confraternita della Misericordia.

La replica della Presidente Garavaglia all’articolo su Mattei apparso su Repubblica il 17 dicembre 2022

Repubblica di oggi, 21 dicembre 2022, ha pubblicato il Comunicato Stampa della nostra Presidente Nazionale Mariapia Garavaglia, come replica all’articolo apparso su Repubblica il 17 dicembre a firma di Paolo Mastrolilli su Enrico Mattei.

Ecco l’articolo:

Auguri Festività 2022

Tocca a ciascuno offrire una luce anche durante l’attraversamento del deserto dello spirito. Un dono di ciascuno a chi ci è prossimo ed un dono da cercare e per cui ringraziare. Dono sempre, non solo a Natale.   

                                   


						
					

Navigazione articolo