ANPC Nazionale

Associazione Nazionale Partigiani Cristiani

25 APRILE. CHE SIA SIMBOLO DI UNITA’, ANCHE IN TEMPI DI EMERGENZA

Il 75.mo Anniversario della Liberazione, il 25 aprile 2020, verrà celebrato in una situazione – nazionale e mondiale – del tutto particolare, che potrà indurre molti a riscoprirne il senso e i significati profondi.

Non in piazza né per le strade, ma forse più uniti, nonostante la provocazione e il tentativo di mistificazione di chi vuole rompere la quarantena per contestare il significato di quella che è una Festa nazionale (istituita con una legge dello Stato nel 1949) essenzialmente dedicata all’unità.

Quest’anno verrà celebrata in casa, e le Associazioni che da sempre la promuovono e sostengono hanno proposto di esporre il tricolore alle finestre e – alle 15 del 25 aprile – di intonare tutti il canto dei Partigiani assieme all’Inno nazionale, entrambi simboli di identità nazionale e di libertà.

Chi mette in discussione o dileggia il senso di questa Festa – tra le date costitutive dell’identità e della memoria nazionali – nega la vicenda storica del nostro Paese e dell’Europa. La libertà democratica appartiene a tutti – uomini e donne – ed è stata conquistata col dono della vita anche per coloro che la negano. L’auspicio è che attraverso l’informazione e i social sempre più persone – e soprattutto i più giovani – conoscano e comprendano questa storia e quella del continente bruciato da ideologie farneticanti e tragiche.
Il pericolo maggiore è quello della superficialità e dell’oblio. Siamo chiamati a ricordare che è Festa davvero ricordare 75 anni di pace, della libertà e della dignità riconquistate dopo vent’anni di dittatura fasciata, con le leggi razziali, con la sciagura della guerra a fianco dei nazisti.

Coloro che vorrebbe sostituire la denominazione della festa intitolandola a chi ha perso la vita per il Coronavirus, dimenticano anche che molte di più sono state le vittime di una disastrosa guerra.
Riconoscere il valore del 25 Aprile come parte dell’identità storica del paese significa, proprio in queste settimane così difficili e sofferte, ricordare a tutti che – pur nelle legittime diversità di idee, sensibilità, culture – siamo e restiamo Popolo.

Il 25 aprile del 1945 è la data di nascita di una nazione che ha saputo scegliere da che parte stare, confermata quando si è presentato l’appuntamento del 18 aprile 1948 e che si è riflessa negli sforzi e nei progetti per un’Europa unita. Ha fornito la classe dirigente che ha preparato e votato la Costituzione, che all’art. 32 sancisce “la tutela della salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”.

La protezione che gli Italiani hanno potuto avere in questa terribile contingenza deriva dal Sistema Sanitario Nazionale, che ha il fondamento nella Costituzione ed è universale, uguale, equo.

Coloro che si commuovono per il valore dei nostri professionisti sanitari e si scandalizzano per le eventuali lacunosità nei servizi non sono stati tanto attivi nel difendere il Sistema sanitario quando subiva tagli nel budget, nei servizi e nel personale, solo perché considerato costoso.

Il 25 aprile è festa anche per loro, perché 75 anni fa si è conclusa una vicenda che dalle divisioni ha voluto costruire una comunità democratica, fondata sulla libertà conquistata da pochi, ma per tutti.

Per la sera del 25 aprile l’ANPC – memore della propria identità, che portò tanti uomini e donne a partecipare alla Resistenza in nome della ispirazione cristiana – propone anche l’iniziativa “La luce della Speranza”: al calar della sera accendiamo una candela e poniamola sul davanzale della finestra per ricordare tutti coloro che sono morti per la Libertà. Sarà anche un segno di speranza nel futuro e uno stimolo per discernere e affrontare i tanti cambiamenti a cui sarà sottoposta la vita di tutti.

25-aprile-festa-liberazione-L

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “25 APRILE. CHE SIA SIMBOLO DI UNITA’, ANCHE IN TEMPI DI EMERGENZA

  1. Luisa Ghidini Comotti in ha detto:

    benissimo.Grazie.

    Luisa Ghidini – Comotti

    tel. 349.6416825

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: