ANPC Nazionale

Associazione Nazionale Partigiani Cristiani

πŸ•πŸ”Β° 𝐝𝐞π₯π₯𝐚 π‹π’π›πžπ«πšπ³π’π¨π§πž πŸπŸ“ 𝐚𝐩𝐫𝐒π₯𝐞 πŸπŸ—πŸ’πŸ“-𝟐𝟎𝟐𝟏

Celebrare la #Liberazione non Γ¨ compiere un rito, per quanto solenne e commovente, o rievocare un passato lontano e distante dai problemi che attanagliano tutti noi oggi. E’ rendere doveroso omaggio verso coloro che si batterono per la libertΓ  ed allo stesso tempo riflettere sui valori fondanti della nostra Repubblica, quelli dei diritti individuali e collettivi, del ripudio della guerra e della ricerca della pace tra i popoli, quelli della tutela delle minoranze e del rispetto della diversitΓ . Tali valori e principi si svilupparono proprio dalla lotta contro il nazifascismo che unΓ¬ insieme tanti cittadini di diverso orientamento politico ma partecipi di un grande moto popolare che nasceva dal rifiuto della dittatura.

E’ oggi piΓΉ che mai necessario che la #memoria dei tragici eventi delle guerra e di tutti coloro che con il loro sacrificio hanno contribuito a costruire un Paese libero e democratico siano un monito per le giovani generazioni, per far loro conoscere il valore della #democrazia e contrastare quella perdita di consapevolezza della nostra storia recente che in Italia, come in altri Paesi europei ed extraeuropei, favorisce il riaffiorare di forme di odio ed intolleranza. Ricordiamo che dopo un ventennio di regimi dittatoriali nazifascisti, i popoli da oppressi, dove non c’era libertΓ  di parola, di pensiero e di espressione, sono tornati ad essere un popolo di donne e uomini liberi. Il 25 aprile Γ¨ stato un miracolo di libertΓ . Quella preziosa libertΓ  che non si conquista una volta per sempre, perchΓ© ogni giorno va difesa e poi riconquistata sempre a livelli piΓΉ alti.

La #Resistenza non fu solo il combattimento di allora contro il nemico invasore e il tracotante mercenario fascista, Γ¨ stata la ribellione contro coloro che avevano cancellato ogni tessuto di rappresentanza popolare e di partecipazione umana, politica e sociale, perchΓ© avevano nel contempo distrutto ogni struttura democratica. Resistenti erano gli operai che scioperavano nonostante le minacce della deportazione, nei campi di sterminio nazisti, erano le contadine che rischiavano la distruzione delle cascine e della loro vita, per nascondere un partigiano ferito, un alleato disperso, un ebreo. Resistenza era scegliere la vita randagia nei boschi pur di non aderire ai bandi di chiamata alle armi della cosiddetta Repubblica Sociale.

La resa avvenuta a Caserta nella Reggia dei Borbone dove era stato insediato il Quartier Generale Alleato fu l’atto formale e conclusivo della capitolazione che sancΓ¬ la fine della Campagna d’Italia e la definitiva sconfitta delle forze nazifasciste nella penisola durante la seconda guerra mondiale. L’atto conclusivo prende il nome di: strumento di resa delle forze armate tedesche e delle altre forze poste sotto il controllo del Comando Tedesco. Fu firmato il 29 aprile 1945 alla presenza di ufficiali delegati del Regno Unito, degli Stati Uniti, dell’Unione Sovietica e dei rappresentanti Germanici. Questo atto ufficiale prevedeva la resa incondizionata che doveva diventare operativa dal 2 maggio. Onorare la Resistenza, vuol dire anche rendere merito ai combattenti per la libertΓ . Dalla Resistenza Γ¨ nato anche quel nostro vangelo laico che Pietro Calamandrei definiva β€œUn testamento di centomila morti” che si chiama, #Costituzione.

La Resistenza ha permesso al popolo italiano di riscoprire la dignitΓ  dell’uomo, e la universale indivisibilitΓ  di essa: questa scoperta della indivisibilitΓ  della libertΓ  e della pace, per cui la lotta di un popolo per la sua liberazione Γ¨ insieme lotta per la liberazione di tutti i popoli dalle guerre, dalla fame e dalle sofferenze, questo sentimento della uguaglianza morale di ogni creatura umana, qualunque sia la sua nazione o la sua religione o il colore della sua pelle, questo Γ¨ l’apporto piΓΉ prezioso e piΓΉ fecondo di cui ci ha arricchito la Resistenza.

Concludo con un monito di Primo Levi: Se comprendere Γ¨ impossibile, conoscere Γ¨ necessario, perchΓ© ciΓ² che Γ¨ accaduto puΓ² ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte e oscurate: anche le nostre.

π†π‘π€π™πˆπ„ 𝐀 πŒπˆπ€ πŒπ€πƒπ‘π„ π…π‹πŽπ‘π€ 𝐄 𝐀 𝐓𝐔𝐓𝐓𝐄 𝐋𝐄 πƒπŽπππ„ 𝐂𝐇𝐄 π‡π€πππŽ π‘π„π’πŽ ππŽπ’π’πˆππˆπ‹π„ πˆπ‹ πŸπŸ“ π€ππ‘πˆπ‹π„!

Aladino Lombardi – Storico e Consigliere Nazionale Anpc

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: